Primi passi, le scarpe più adatte

Nel momento in cui, il bambino inizia a fare i primi passi, il piede del piccolo non è ancora ben sviluppato tendendo ad appiattirsi e a cedere verso l’interno e proprio per questo che gli specialisti consigliano:

La marcia a piedi nudi, che rappresenta il metodo più efficace per ottenere un corretto sviluppo del piede permettendo alla muscolatura di rinforzarsi, consentendo la corretta formazione dell’arco plantare.

Occorre sapere che, all’inizio della deambulazione, il passo del bambino avviene in modo diverso da quello dell’adulto: il bambino infatti appoggia contemporaneamente tutta la pianta del piede, strisciandola al suolo tra un passo e l’altro, 

La scelta della scarpa NON deve perciò essere considerata come quella di un qualsiasi indumento, non bisogna di conseguenza seguire solo l’estetica e i capricci della moda.

Da evitare scarpe completamente prive di contrafforti, come quelle di tela. 

Da bandire le scarpe ortopediche o cosiddette “preventive” e/o “correttive”, 
per intenderci quelle calzature con suola rigida, plantare ortopedico e allacciatura sopra la caviglia.

Un piede normale non ha bisogno di essere corretto nella sua evoluzione e una scarpa ortopedica va prescritta solo per una patologia in atto,
dopo attenta valutazione dello specialista ortopedico, poichè non può essere standardizzata come se il piede fosse affetto da una sola e sempre uguale alterazione.

È preferibile non far indossare scarpe usate in precedenza da fratelli maggiori, perché 
ogni bambino ha la propria forma del piede e inevitabilmente imprimerà alle sue scarpe.

Le scarpe consigliate dopo una consulenza da Impronte saranno: 
– di qualità;
– della giusta misura; 
– scelte per ogni esigenza del piccolo.

modelli di scarpe che trovi in negozio

Per saperne di più, contattami per una consulenza.